Maria si alzò e andò in fretta


Non si vedevano così tanti ragazzi insieme da prima del Covid. Il desiderio di rivedersi, di incontrarsi, di condividere il tempo con altri ragazzi giunti da tutta la diocesi è stato l’ingrediente “speciale” della Giornata Diocesana della Gioventù, andata in scena domenica 20 novembre nel Santuario della Madonna Greca a Capo Rizzuto.

Il “sì” di Maria, nella scena evangelica della Visitazione (Lc 1,39), è un atto rivoluzionario di una dodicenne di Nazaret, che, nel dono del Figlio, ha fatto della propria vita un dono per gli altri. L’esempio, ancora attuale, è stato colto dai ragazzi come un invito per uscire dall’individualismo e dalle chiusure, accentuate dalla pandemia, e impegnarsi per contribuire a costruire un mondo migliore. La provocazione, durante il momento di preghiera, rimane sempre aperta: come diventare dono per gli altri, così come fece Maria, in un contesto che spinge a rimanere chiusi nel proprio “io”?